Incidenti e malori sui monti  Superlavoro per i soccorritori
Civate - Soccorso alpino triangolo lariano in azione

Incidenti e malori sui monti

Superlavoro per i soccorritori

Nessuno degli escursionisti è in gravi condizioni

Giornata intensa per la stazione Triangolo Lariano, con tre interventi a poca distanza di tempo.

Il primo alle 11:30, per una escursionista che aveva avuto un malore lungo il sentiero che dalla cima del Monte Barro scende a Galbiate. Sono uscite la squadra del Centro operativo del Bione, con due tecnici, e la squadra di Stazione con quattro tecnici, che hanno operato insieme con i Vigili del fuoco.

Mentre l’intervento era ancora in corso, è giunto il secondo allertamento, per un alpinista incrodato lungo il sentiero che dal Corno Birone porta al Cornizzolo (sentiero 9A). Grazie alla cooperazione fra la centrale di Areu - Agenzia regionale emergenza urgenza e il Cnsas - Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico è stato possibile risalire in poco tempo alle coordinate geografiche della persona da soccorrere, raggiunta da una squadra del Triangolo Lariano; l’alpinista è poi stato accompagnato fino al rifugio SEC.

Durante questo intervento è arrivato il terzo allertamento, per un escursionista che era caduto in località Pian Sciresa, nel parco del Monte Barro e aveva riportato un trauma facciale. La squadra, non appena concluso l’intervento precedente, è partita per raggiungerlo ma stava già arrivando sul posto un tecnico della Stazione che si trovava nelle vicinanze. L’intervento è stato risolto dall’elisoccorso di Brescia di Areu, che ha recuperato la persona infortunata con il verricello e l’ha trasportata in ospedale.

Intervento anche alle 14.50 circa alle falesie del Pradello, tra Lecco e Abbadia, dove un escursionista è stato portato in salvo da Vigili del fuoco e Cnas con la tecnica della barella portantina.


© RIPRODUZIONE RISERVATA