In coma dopo il parto  Sara non ce l’ha fatta
Civate Sara Ghislanzoni

In coma dopo il parto
Sara non ce l’ha fatta

La donna, 40 anni, di Civate, non si era più ripresa dal 9 agosto

dopo un malore nella casa delle vacanze in Valtellina

Un cesareo praticato al Manzoni ha salvato la vita a sua figlia

Non ce l’ha fatta Sara Ghislanzoni, 40 anni, la mamma che aveva dato prematuramente alla luce la piccola Sole il 9 agosto: la donna è deceduta ieri, 21 agosto, nell’ospedale Manzoni di Lecco. Lì si trovava ricoverata da quando si era sentita male, in Valtellina dove si trovava in vacanza. Tragicamente, la donna ha perso sua battaglia per la vita, lasciando, così, la neonata, che non ha potuto neppure mai abbracciare, e la figlia maggiore, Giorgia. La piccola Sole, invece, sta bene, nata di 35 settimane, nonostante sia ancora ricoverata per motivi precauzionali nel reparto di Terapia intensiva neonatale del nosocomio lecchese. Dopo il malore che l’aveva colta prima di Ferragosto, la 40enne era stata trasferita d’urgenza all’ospedale “Manzoni”, dove i medici avevano deciso di intervenire con un parto cesareo d’emergenza, sperando così di riuscire a salvare sia la madre, sia il feto. Per la mamma, invece, a distanza di giorni non c’è stato scampo. Non ha mai lasciato il reparto di Rianimazione, dove è spirata lasciando straziati il compagno Christian, la mamma Carla, i fratelli Luca, Simona e Serena con le rispettive famiglie. Tantissimi, a partire da ieri sera, i messaggi di cordoglio, anche sui social, da parte dei molti amici attoniti per la sorte toccata alla giovane donna, ai suoi cari e soprattutto alle due figliolette, rimaste senza madre. Sarà celebrato domani, 23 agosto, alle 10.30, nella chiesa parrocchiale di Civate,


© RIPRODUZIONE RISERVATA