In azienda i mattoncini   per costruire il gruppo
L’ingresso della “Casartelli Antonio” a Sala al Barro

In azienda i mattoncini

per costruire il gruppo

La “Casartelli Antonio” di Galbiate adotta i Lego in un percorso di formazione dei dipendenti - Francesca Bonini (Adecco): «È questo un esempio virtuoso tra un’azienda e un’agenzia per il lavoro»

Non soltanto un gioco per bambini o una autentica passione per gli adulti: i mattoncini colorati servono anche a formare il personale.

L’applicazione del metodo innovativo Lego Serious Play è sempre più utilizzato anche dalle aziende lecchesi. Tanto che l’Api in autunno ha organizzato un seminario incentrato su questo argomento.

A cogliere l’opportunità offerta anche in questo senso dall’azienda danese è la Casartelli Antonio, che a Galbiate si occupa di stampaggio a caldo di acciaio, che ha scelto di puntare sulla valorizzazione del proprio capitale umano con un progetto formativo costruito sugli adempimenti normativi previsti dal contratto metalmeccanico.

L’idea di seguire questa strada è venuta a Lorenzo Casartelli, responsabile delle Human resources dell’azienda, che dopo aver visto un documentario con i figli ha deciso di “mutuare” in chiave aziendale un percorso che le stesse famiglie considerato formativo per i loro bambini.

Così, in collaborazione con Adecco, metterà a disposizione dei suoi dipendenti un percorso di formazione sperimentale ed innovativo finalizzato a sviluppare e bilanciare le competenze di ruolo. La formazione sarà suddivisa in due momenti distinti: nella prima fase verranno organizzati workshop trasversali utilizzando la metodologia “Lego Serious Play” su temi condivisi. La parte conclusiva sarà invece dedicata a percorsi di training costruiti in linea con i bisogni intercettati nella fase precedente.

«Siamo orgogliosi di collaborare con Casartelli Antonio per un progetto di grande valore, che dimostra come la formazione sia un asset fondamentale su cui ogni realtà industriale dovrebbe investire – ha commentato Francesca Bonini, candidate manager di Adecco -. Siamo di fronte all’ennesimo esempio virtuoso di collaborazione sinergica tra un’azienda del territorio e un’agenzia per il lavoro, che potrà produrre effetti di crescita economica a livello locale e un generale miglioramento delle competenze individuali». L’innovativa modalità “Lego Serious Play”, con cui è strutturata la prima fase formativa, rappresenta un percorso di facilitazione e sviluppo organizzativo fondato sull’impiego dei mattoncini Lego come supporto metaforico al confronto e ai processi decisionali.

«Questa pratica consiste nel condurre i partecipanti a costruire con le proprie mani un modello tridimensionale del tema in gioco – hanno spiegato gli organizzatori -, sia esso di carattere strategico, operativo, relazionale. Attraverso la sua dinamica di passaggio dall’individuale al collettivo, la metodologia permette di raggiungere un livello di condivisione ed espressione altrimenti difficilmente ottenibile. Il processo di condivisione messo in atto da ogni workshop - continua - consente di lavorare sui diversi punti di vista dei partecipanti e concretizzarli verso la definizione di action point concretamente attuabili nella quotidianità lavorativa».

La successiva metodologia del Training sarà invece volta a favorire sia la comprensione dei contenuti che la gestione e il monitoraggio delle situazioni operative e si comporrà principalmente in esercitazioni, simulazioni e focus group.


© RIPRODUZIONE RISERVATA