Il vaccino portato nelle case in camper  Erve e Carenno, esperimento riuscito
Erve - Piazza Unità d'Italia - Presenti Claudio Mare direttore struttura complessa di aat Areu (il terzo da sinistra), il Direttore Generale di ATS Brianza Silvano Casazza (il terzo da destra), il sindaco di Erve Giancarlo Valsecchi (con la fascia tricolore). Con loro Elisa Di Gennaro (la seconda da sinistra) medico di base a Erve e Livia Pontiggia coordinatrice Usca (la prima da sinistra). (Foto by Barbara Bernasconi)

Il vaccino portato nelle case in camper

Erve e Carenno, esperimento riuscito

Un servizio riservato ai piccoli paesi montani, ieri immunizzati dieci anziani

Dieci cittadini di Erve e di Carenno di età compresa tra i 94 anni e 89 anni sono stati i primi a ricevere la vaccinazione anti Covid-19, direttamente a domicilio.

È partita oggi proprio dai due piccoli comuni montani, la sperimentazione lombarda avviata dall’Agenzia di tutela della salute e dall’Agenzia regionale per il servizio di emergenza e urgenza, con la collaborazione dei medici di medicina generale e le amministrazioni coinvolte.

Il mezzo mobile ha raggiunto di prima mattina il centro di Erve con il personale sanitario e amministrativo per poter somministrare a cittadini allettati o con particolari esigenze sanitarie, la prima dose del vaccino Moderna. Poi si è portato a Carenno per effettuare lo stesso servizio.

Per l’occasione, c’erano i sindaci Giancarlo Valsecchi (Erve) e Luca Pigazzini (Carenno). Mentre con il personale sanitario c’erano il direttore generale di Ats Brianza Silvano Casazza, poi Claudio Mare direttore struttura complessa di Aat Areu, Livia Pontiggia coordinatrice Usca, Diana Maggioni di Areu, Stefania B olis di Ats Brianza e i medici di base dei due Comuni Elisa Di Gennaro e Stefano Rossi, coinvolti in prima linea nell’assistenza dei pazienti interessati dalla sperimentazione.

L’articolo completo sul giornale in edicola domani, giovedì 1 aprile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA