Il mercato di Merate è sempre più in crisi   «Vengono a galla gli errori del passato»
Le bancarelle degli alimentari in piazza don Minzoni

Il mercato di Merate è sempre più in crisi

«Vengono a galla gli errori del passato»

L’allarme è lanciato dal presidente provinciale degli ambulanti Rino Barbieri

«Mettere gli alimentaristi da un lato e gli altri in un’altra zona ci sta impoverendo»

Il mercato di Merate è sempre più in crisi. Lo dimostra il fatto che il Comune abbia appena pubblicato un bando per l’assegnazione di otto posteggi rimasti liberi. Cinque si trovano in piazza don Minzoni mentre gli altri tre sono in via Viganò. «Quello che sta succedendo a Merate - sostiene Rino Barbieri, presidente lecchese della Fiva, la federazione italiana venditori ambulanti - non è che la conseguenza di scelte sbagliate fatte anni fa e che ora vengono a galla».

Barbieri lo va ripetendo da tempo ma ora, pur riconoscendo che «da anni i mercati sono un po’ tutti in crisi e il Covid ha accentuato i problemi», sostiene che «la decisione di spezzare il mercato e mettere gli alimentaristi da una parte e i non alimentaristi dall’altra sta portando a un progressivo impoverimento di tutto il mercato».

L’articolo completo sull’edizione di mercoledì 25 agosto de La Provincia di Lecco


© RIPRODUZIONE RISERVATA