Il lago di Annone chiede ancora aiuto  Parametri distanti da quelli europei
Il fenomeno delle alghe visibili in superficie si ripresenta spesso sul lago di Annone

Il lago di Annone chiede ancora aiuto

Parametri distanti da quelli europei

Arpa e Asl hanno fornito dati tutt’altro che confortanti ai comuni rivieraschi

Il problema dipende soprattutto dagli scarichi e allo stesso tempo i soldi sono sempre meno

«I parametri del lago di Annone sono molto distanti dai livelli standard europei che permetterebbero di definire “buono” il suo stato ecologico».

Dall’Arpa, l’altra sera, un verdetto da maglia nera, sancito da Fabio Buzzi intervenuto, insieme alla collega dell’Asl, Eleonora Masala, nell’assemblea organizzata dal Comune.

Partecipanti

Numerosi gli amministratori comunali presenti, tra i quali i sindaci rivieraschi di Annone - Patrizio Sidoti - e Civate, Baldassare Mauri; la conferenza è stata introdotta dall’assessore all’Ambiente di Annone, Maurizio Comotti; tra i cittadini presenti – e che hanno preso la parola durante il dibattito – spiccavano pescatori, ex amministratori e ambientalisti.

Il funzionario dell’Arpa, invitato per fare il punto soprattutto sulla presenza dei metalli pesanti, ha riferito gli esiti delle campagne svolte per due successivi trienni, evidenziando – tra i molti dati - l’«eccesso di nutrienti, responsabili tra l’altro delle fioriture eccessive di alghe e di piante acquatiche, determinato dal persistere degli scarichi civili nel lago».

Tutti i dettagli e i risultati dei prelievi, negli ampi servizi su “La Provincia di Lecco” in edicola sabato 14 novembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA