Il galbiatese Renato Corti   è stato nominato cardinale
Il cardinale Renato Corti, a destra, con il parroco don Enrico Panzeri, salutato domenica dalla comunità galbiatese

Il galbiatese Renato Corti

è stato nominato cardinale

Papa Francesco ha scelto un «buon teologo, pastore sensibile e vicino al suo popolo». Così il Pontefice ha definito il nuovo porporato ottantenne che aveva celebrato in paese lo scorso giugno

È stata una giornata storica, quella di domenica, di forti e contrastanti emozioni, nella parrocchia di Galbiate e nella comunità pastorale “Santa Maria di Monte Barro”, dove si sono vissuti due eventi straordinari, di segno opposto: grande, la gioia per la nomina a cardinale di monsignor Renato Corti, - che riceverà la berretta nel concistoro del 19 novembre - arcivescovo emerito di Novara, nato a Galbiate nel 1936.

Una notizia giunta in paese dopo l’annuncio dato in diretta televisiva nella tarda mattinata da Papa Francesco, proprio mentre a Galbiate si concludeva la toccante cerimonia di saluto al parroco don Enrico Panzeri, che per 19 anni ha guidato la comunità dei fedeli galbiatesi e sta per ritirarsi ad Acquate, in pensione.

Papa Francesco ha scelto un «buon teologo, pastore sensibile e vicino al suo popolo»: così il pontefice ha definito il cardinale galbiatese, il primo nella storia del paese.

Tutti i dettagli negli ampi servizi su “La Provincia di Lecco” in edicola lunedì 10 ottobre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA