Galbiate, la posta è un miraggio In ritardo anche le bollette della Tari
Lo stabile che ospita l’ufficio postale di Galbiate

Galbiate, la posta è un miraggio
In ritardo anche le bollette della Tari

Cittadini in rivolta: per giorni cassette vuote, poi plichi abbandonati sui muretti Quotidiani arrivati tutti insieme e poi lasciati sotto l’acqua e quindi finiti nel cestino

Ricevere la posta è diventato un miraggio, negli ultimi tempi, a Galbiate, nuovamente vittima di pesanti disservizi. Le caselle restano inesorabilmente vuote per lunghi periodi, poi all’improvviso capita che si riversino numerose consegne tutte insieme: purtroppo, quando è ormai troppo tardi.

Le Poste, interpellate, hanno assicurato che «verranno svolte le necessarie verifiche per accertare il disagio ed individuarne le eventuali cause».

Per intanto, i destinatari della corrispondenza dovranno continuare a portare pazienza e subire il recapito a singhiozzo. C’è chi è abbonato a giornali quotidiani e, dopo avere atteso per giorni di ricevere le proprie copie, lo scorso venerdì se ne è viste «consegnare cinque, tutte insieme, quattro delle quali, ovviamente – è la protesta – con le notizie superate ormai dai fatti e, per ulteriore sventura, lasciate sotto l’acqua, nel giorno di maggiore pioggia degli ultimi mesi, pertanto pagate, ma da gettare dritte nel cestino».

I particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola martedì 7 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA