Galbiate, folla ai funerali di Pino Trovato  «Il tuo canto rendeva felice la gente»
L’arrivo della bara di Pino Trovato

Galbiate, folla ai funerali di Pino Trovato

«Il tuo canto rendeva felice la gente»

In tanti hanno seguito la cerimonia funebre del cantante celebrata da don Rebecchi

«Se questa è vita, l’ho toccata, l’ho sentita su di me; l’ho abbracciata in te»: la voce nitida di Pino Trovato, in uno dei suoi testi più amati – di Amedeo Minghi – è risuonata oggi all’uscita del feretro dalla chiesa, amplificata dall’impianto posizionato sul sagrato; dalla folla che lo gremiva è partito, interminabile, l’applauso.

È stato dunque più forte l’amore per il popolare cantante, della paura del virus: Galbiate, oggi, ha ritrovato la voglia di stringersi e abbracciarsi per l’addio all’artista, deceduto lo scorso venerdì a 66 anni in ospedale a Lecco, animatore di infinite, gioiose serate danzanti, in largo Indipendenza con la Pro Loco e in parrocchia, nella “Festa sotto il campanile”, che lo stesso don Erasmo Rebecchi, nell’omelia, ha voluto ricordare.

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 4 marzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA