«Ex Gamba, vergogna continua»

Calolziocorte Colosimo accusa la Lega: «Respinge tutte le nostre proposte»

«Ex Gamba, vergogna continua»
Il cartello che denuncia lo stato di degrado del quartiere

«Per colpa della Lega, quest’area continua ad essere una vergogna. Lentamente muore un quartiere senza decoro».

Questo il messaggio scritto su un cartello appeso a un palo davanti a quel che resta dell’ex Gamba, a cui ha prontamente dato risalto la minoranza di Cambia Calolzio.

Da anni il gruppo guidato da Diego Colosimo cerca in ogni modo di sollecitare l’amministrazione a sbloccare una situazione che però è congelata.

«Come Cambia Calolzio - ricorda - anche alla fine del mese di maggio abbiamo presentato, in occasione della discussione sul Piano di governo del territorio, una proposta per recuperare socialmente quest’area. Ancora una volta, la Lega ha detto no. Noi vogliamo bene a Calolzio e a breve presenteremo una nuova osservazione per far sì che quest’area diventi patrimonio comunale e venga restituita ai cittadini».

È tuttavia improbabile che le proposte della minoranza sia accolta. In più occasioni, sia l’assessore all’urbanistica Aldo Valsecchi sia il sindaco Marco Ghezzi hanno sottolineato che l’area è privata e che il Comune non può imporre nulla.

«L’unico modo per intervenire - spiegava pochi giorni fa il primo cittadino - sarebbe acquisire l’area». A Calolzio, tuttavia, non hanno alcuna intenzione di fare questo passo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA