Elezioni, la Lega punta alla riscossa  «Dopo Calolzio, Lecco e Valmadrera»
Il Comune si prepara alle elezioni

Elezioni, la Lega punta alla riscossa

«Dopo Calolzio, Lecco e Valmadrera»

Il segretario Nogara lancia il messaggio a Gandolfi, ancora indeciso sul da farsi: «Chi non è convinto e non è in grado di prendere una decisione è meglio che stia a casa»

«Per cinque anni i calolziesi hanno dovuto subire un’amministrazione disastrosa, totalmente asservita al Pd provinciale e alle sue indicazioni. Bisogna cambiare, affidando la guida della città a qualcuno che abbia la priorità di fare l’interesse dei cittadini calolziesi. Noi siamo pronti a farlo, ma accetteremo nel nostro gruppo solo chi sia convinto del nostro progetto: chi non lo è può stare a casa con la sua famiglia».

A una manciata di mesi dall’appuntamento con le Amministrative calolziesi, i motori iniziano a scaldarsi. A dire il vero, in alcuni casi la rotta è già tracciata. E’ il caso del centrodestra, che correrà unito sulla scorta dei positivi contatti avuti nei mesi scorsi tra le varie anime di questa parte dello scacchiere. Ancora da individuare il candidato sindaco anche se i nomi più insistenti sono quelli del capogruppo Marco Ghezzi o Aldo Valsecchi ex vicesindaco ai tempi di Paolo Arrigoni. Ma pure quello di Cambia Calolzio, che raggruppando il mondo civico e quello della sinistra si prepara a candidare a sindaco Diego Colosimo. Manca solo qualche dettaglio, poi, all’annuncio di Cesare Valsecchi, ormai deciso a correre per succedere a se stesso. Incerto invece il destino di Dario Gandolfi, che vorrebbe dare forma a un nuovo gruppo di centro coinvolgendo anche componenti dell’attuale amministrazione di centrosinistra.

E’ a quest’ultimo, a lungo alleato del Carroccio ma da cinque anni seduto su una barricata diversa, che il segretario provinciale leghista Flavio Nogara lancia un messaggio chiaro.

«Stiamo portando avanti con le altre forze di centrodestra un discorso di condivisione del programma, perché alla base di un’alleanza ci sono per forza di cose i contenuti. Siamo a buon punto e stiamo lavorando bene con tutto il centrodestra. Ma questo deve essere rappresentato da gente che crede nel progetto. Fino ad ora chiunque può aver pensato di parlare con tutti, ma adesso è ora di fare una scelta definitiva. Chi non è convinto e non è in grado di prendere decisioni senza farsi influenzare da mille fattori, potrà starsene a casa».

Del resto, «i cittadini vogliono un’amministrazione seria e produttiva, sono stanchi di quella attuale, che non ascolta, non discute e non condivide». Infine, un giudizio sulla giunta di Cesare Valsecchi. «Hanno amministrato scontentando tutti e ubbidendo supinamente al Pd provinciale. Vinceremo qui – ha concluso – e poi a Lecco e Valmadrera, e avremo un canale diretto con i governi regionali e nazionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA