Pesato il tir, nessuna violazione Annone, Codacons parte offesa
Il tir della Nicoli piombato sulla statale 36 quando il ponte ha ceduto

Pesato il tir, nessuna violazione
Annone, Codacons parte offesa

Il crollo del ponte, il mezzo pesante con il suo carico nei limiti delle 108 tonnellate previste dal nulla osta - Oggi pomeriggio alle 15.30 i funerali dell’unica vittima

Dovrebbero uscire definitivamente di scena i titolari della Nicoli Trasporti e Spedizioni di Albino (Bergamo) dall’inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Lecco sul crollo del ponte di Annone che, il 28 ottobre scorso, è costato la vita all’ex insegnante di educazione fisica Claudio Bertini, 68 anni, residente a Civate.

Ieri mattina, le operazioni di “pesata” del tir, sotto il cui peso il cavalcavia è piombato sull’asfalto con il suo carico di morte, avrebbero dato esito negativo: mezzo e carico, complessivamente, peserebbero 107 tonnellate e mezzo, 500 chilogrammi in meno, quindi, rispetto al limite massimo previsto dall’autorizzazione rilasciata all’azienda dalla Provincia di Bergamo sulla base della legge regionale sui trasporti. Il tir viaggiava dunque regolarmente, nel pieno rispetto del nulla osta rilasciato alla società: partito da Ravenna, il mezzo pesante era ormai praticamente giunto a destinazione, all’Eusider di Bosisio Parini, quando la tragedia si è consumata.

È questa la novità più importante che si registra sul fronte investigativo nelle ultime ore: l’analisi dei documenti sequestrati sarà lunga e laboriosa, vista la mole, e non esclude alcuna ipotesi investigativa. Come quella che mancassero le prove di collaudo dei ponti che devono reggere trasporti eccezionali o i cartelli di divieto per mezzi il cui peso superi le 40 tonnellate. Al momento, riscontri in tal senso non ne sono stati trovati, ma come ha precisato ieri mattina il magistrato inquirente, il sostituto procuratore della Repubblica Nicola Preteroti, è ancora troppo presto per sbilanciarsi vista, appunto, la mole di materiale da “scandagliare”.

C’è anche una seconda novità, comunque: il pubblico ministero ha amesso come parte offesa il Codacons, l’associazione che tutela i consimatori, che ha nominato due consulenti. Toccherà poi al giudice, in fase processuale, ammettere o meno la costituzione di parte civile.

Tutti i particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola sabato 12 novembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA