Civate, palazzi ostaggi dei ladri  «Un furto ogni due mesi»
Il complesso di palazzine in via 24 Maggio

Civate, palazzi ostaggi dei ladri

«Un furto ogni due mesi»

Domenica l’ultimo assalto al complesso di via 24 Maggio

«Da noi sono venuti tre volte, abbiamo messo gli spuntoni sul balcone»

«In media, da noi, i ladri passano ogni due mesi»: ieri, i residenti dei condomini “Mercury” di via 24 Maggio hanno appreso – chi con spavento e altri con rassegnazione – la notizia dell’ultimo furto, messo a segno domenica, dopo le 19, al primo piano del civico 12.

Il complesso, formato da diverse palazzine, è abitato da una sessantina di famiglie. Le finestre si affacciano su cortili e corridoi verso i box: ma né l’andirivieni, per quanto frequente, né i tanti occhi dissuadono i malintenzionati. Come spiega la nuora dell’anziana al numero 12, l’intrusione è avvenuta dal retro: gli sconosciuti si sono «arrampicati fino al balconcino poi, approfittando della tapparella sollevata fino a metà, hanno avuto buon gioco a entrare. Non hanno trovato niente da rubare, ma hanno buttato per aria tutto. Hanno persino spostato qualche mobile per vedere se dietro ci fosse la cassaforte».

I vicini ieri hanno ricostruito i dettagli: «La signora era andata da parenti nel pomeriggio; alle 19 stavamo parlando qua sotto con sua figlia. Verso le 19.30, il figlio di un’altra famiglia è andato a prendere la pizza».

Le testimonianze si moltiplicano, da parte di chi è stato visitato «due o tre volte»: un’abitante ha mostrato gli spuntoni fatti installare sul balcone, che dovrebbero impedire ai ladri di arrampicarsi: «Così – ha detto, sconsolata – la volta dopo sono saliti dall’altra parte. La terza volta eravamo in casa. Mio marito ha sentito un rumore della tenda: è andato e gli ha aperto la finestra. Sono scappati, ma lo spavento è stato enorme: un’ansia che ti cambia la vita. Allora ho fatto installare le grate alle finestre. In sostanza, siamo in galera noi, anziché i delinquenti».

Tutti i dettagli su “La Provincia di Lecco” del 18 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA