Calolzio, malore durante un funerale
Paura per don Giancarlo

Calolziocorte Il sacerdote si è accasciato ed è stato subito soccorso Trasportato al Mandic per accertamenti. «Sto bene, solo un mancamento»

Calolzio, malore durante un funerale Paura per don Giancarlo
Don Giancarlo Scarpellini ha avuto un mancamento durante un funerale

Paura in chiesa oggi pomeriggio attorno alle 15, durante le esequie di Gian Franco Valsecchi. Mentre stava officiando i funerali, don Giancarlo Scarpellini si è sentito male e si è accasciato a terra.

Subito i fedeli, riuniti per l’addio al concittadino, lo hanno soccorso, chiedendo l’intervento del 112. In pochi minuti, la chiesa arcipresbiterale è stata quindi raggiunta da un equipaggio dei volontari del soccorso arrivati da via Mazzini a sirene spiegate.

Il primo intervento

Portato in sacrestia, don Giancarlo è stato steso a terra e sottoposto ai primi controlli sul posto. Non appena le sue condizioni sono apparse rassicuranti, per ulteriori e più approfonditi esami, i volontari lo hanno caricato in ambulanza e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Mandic di Merate, dove è entrato in codice verde attorno alle 16 e affidato alle cure dei medici in servizio.

«Sto bene - ha rassicurato tutti dal presidio meratese il sacerdote di 73 anni, che per sicurezza ha comunque trascorso la notte in un letto dell’ospedale Mandic dove probabilmente resteràper qualche giorno. - Ho avuto un mancamento e nulla di più. I medici hanno deciso di sottopormi a tutta una serie di esami e quindi ora sono qui», ha raccontato ieri.

La notizia ha subito fatto il giro della città, destando la preoccupazione dei numerosi fedeli che direttamente o attraverso l’intermediazione di don Antonio Vitali hanno cercato di capire come stesse il parroco della chiesa arcipresbiterale.

Riposo per qualche giorno

Solo nella giornata di oggi si saprà per quanto tempo il sacerdote dovrà restare in ospedale. È molto probabile infatti che i sanitari lo trattengano per eseguire un check up completo. Certamente, visto il mancamento, anche dopo il rientro a casa dovrà prevedere almeno qualche giorno di riposo.Ieri, l’incidente che lo ha visto protagonista, ha purtroppo interrotto i funerali del calolziese. Per fortuna, nel giro di poco, il posto di don Giancarlo sull’altare è stato preso da don Antonio che ha portato a termine la messa funebre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA