Calolzio, Il mistero dei botti in piena notte  Tutti ne parlano, nessuno se li spiega
Emessa l’ordinanza contro i botti, la polizia locale dovrà controllare

Calolzio, Il mistero dei botti in piena notte

Tutti ne parlano, nessuno se li spiega

Da settimane non si discute d’altro anche nei paesi limitrofi soprattutto sui social C’è chi pensa siano petardi, chi li ritiene così forti da far tremare i vetri ma nessuna li denuncia

C’è chi parla di botti, chi di semplici ma fastidiosi petardi. Ma c’è chi addirittura racconta di deflagrazioni che fanno tremare i vetri e spaventano nel cuore della notte.

Ogni giorno una segnalazione

Da settimane non si parla d’altro a Calolzio, ma non solo. Anche a Vercurago, Olginate e Garlate.

Ogni giorno, letteralmente, qualcuno segnala con preoccupazione di aver udito un’esplosione che spaventa o infastidisce gli abitanti della zona, anche a tarda ora. Il boom di segnalazioni si registra sul più famoso dei social network, Facebook, ma non risultano segnalazioni ufficiali alle Forze dell’ordine. Sembra che per quanto possa essere fastidioso, soprattutto per gli animali domestici, questo “fenomeno” sia legato semplicemente al periodo: ogni anno infatti in prossimità delle feste e del Capodanno tanti ragazzi si divertono a far scoppiare petardi più i meno grandi, ma di libera vendita.

 Per  cui da fine novembre fino a metà gennaio, si continuerà ad assistere a queste scene,che altro non sarebbero che semplici ragazzate. È così da sempre. Ma secondo altre  persone il problema è ben diverso: anche se la maggior parte dei botti pare si registri  a Sala, il rumore si sente anche a distanza: perfino nelle località collinari. Altre segnalazioni sono arrivate dall’altra parte del fiume, Olginate e Garlate, come detto e i residenti ne sono preoccupati. Qualcuno ha raccontato di aver avuto paura, altri sono stati disturbarti mentre dormivano, altri invece sono in pensiero per il fastidio che i botti provocano agli animali. C’è chi sostiene che il botto (in genere è solo uno a tarda serata, al massimo due)non può essere frutto di un semplice petardo ma piuttosto da qualche problema legato ad aziende del circondario. Ma nessuno in realtà sa quali. Insomma, non sembra abbiano creato danni, per fortuna, ma che siano petardi o no, la cosa sta creando grande allarme.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola sabato 29 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA