Calolzio, I ladri tornano a colpire  Due furti e uno tentato
Le foto postate da un’altra vittima calolziese dei furti in abitazione

Calolzio, I ladri tornano a colpire

Due furti e uno tentato

Colpi a Sala in via Ss. Cosma e Damiano, un altro fallito a Torre de’ Busi

La pressione dei ladri è tornata a farsi sentire sul territorio calolziese, oggetto negli ultimi giorni di diversi tentativi, alcuni dei quali andati a segno.

Venerdì sera, l’attenzione dei malviventi si è posata in modo particolare su Sala di Calolzio e Torre de’ Busi, con episodi che hanno suscitato sgomento e preoccupazione nella popolazione.

A Sala il furto è stato portato a termine grazie alla temporanea assenza degli abitanti di due appartamenti in via Santi Cosma e Damiano. Forzando una finestra e incuranti dell’antifurto, i ladri hanno messo a soqquadro due case, riuscendo nella prima a mettere le mani solo su un paio di orecchini (questo alloggio era già stato “visitato” in precedenza e i residenti hanno deciso da allora di non tenere più oggetti di valore), mentre nella seconda il bottino sarebbe più consistente, tra preziosi e contanti.

«Per la seconda volta mi sono entrati i ladri in casa – ha affermato la proprietaria- A queste persone auguro di finire in galera e marcire dentro. Non si può vivere con la paura che ti entrino in casa, tocchino tutto il tuo privato e che tu non possa uscire» perché poi «torni e ti trovi una casa tutta in aria. Non è giusto vivere nella paura».

La sensazione di violazione è infatti l’aspetto più difficile da superare, tra l’impatto dato dal trovarsi di fronte l’intero appartamento messo sottosopra dai delinquenti alla ricerca di oggetti di valore e la consapevolezza che questi hanno messo le mani ovunque.

La denuncia su Facebook ha suscitato una serie di reazioni, con diversi utenti che in passato hanno già subito questa esperienza a testimoniare la loro frustrazione. Una di queste persone, in particolare, ha pubblicato le immagini di come ha trovato la propria abitazione dopo il passaggio dei ladri, con armadi e cassettiere “ribaltati”.

A Torre de’ Busi invece l’episodio si è verificato poco dopo le 21 in via Favirano. È stato qui che, approfittando del buio, i ladri hanno cercato di penetrare in un’abitazione forzando un ingresso sul retro.

I residenti, però, si trovavano in quel momento in casa e, uditi i rumori, hanno raggiunto la stanza dalla quale questi provenivano. Il loro sopraggiungere ha spaventato i malviventi, che vista la mal parata si sono dati alla fuga. «Hanno tagliato l’inferriata – ha scritto la proprietaria sui social – ma poi si sono accorti che eravamo in casa e sono scappati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA