Calolzio, arrestato il rapper Escomar
In centinaia con lui per il video sull’Adda

Calolziocorte Il giovane italo marocchino dovrà scontare sette anni di carcere per vecchi reati, si trovava a Milano Conosciuto sul territorio per la partecipazione alle riprese con baby Gang a Lecco e altre in città

Calolzio, arrestato il rapper Escomar In centinaia con lui per il video sull’Adda
Scene del video di Escomar girato a Calolzio
(Foto di foto instagram)

Il rapper italo-marocchino Escomar , nome d’arte di Omar Bayouda , 22 anni, è stato arrestato dalla polizia di stato.

Il giovane, che fa parte della cerchia di Baby Gang, è finito in prigione a seguito della sentenza del tribunale di Monza che lo ha condannato a una pena di 7 anni di reclusione per avere commesso reati contro il patrimonio e le persone.

Piccole rapine

Per il giovane rapper, le porte del carcere si sono aperte a causa di reati contro il patrimonio e le persone, di fatto piccole rapine, che in base a quanto riferito dalla questura di Milano, sono state commesse nella provincia di Monza negli anni 2013 e 2014.

Al momento del fermo, il giorno di Capodanno, Escomar si trovava in un alloggio di Airbnb in via Chiosetto a Milano e il blitz delle forze dell’ordine è scattato nel momento in cui è partito un “alert alloggiati” che ne segnalava la presenza all’interno della struttura ricettiva.

Noto agli estimatori per il pezzo intitolato “Bassone”, girato anche all’interno del carcere di Como, che lo aveva ospitato, era balzato agli onori della cronaca un paio di anni fa quando, insieme a Baby Gang, rapper nato e cresciuto a Calolziocorte, violando le norme anti-assembramento già in vigore per il Covid, aveva partecipato alle scene di un video del più noto Baby Gang proprio a Lecco nella zona dei Cappuccini. In seguito allo stesso video, durante il quale erano stati anche utilizzati torce e fumogeni, e che a Baby Gang è valso un daspo dalla città, Escomar aveva quindi preso parte a una festa.Pochi mesi fa, per girare un altro video, questa volta suo, Escomar aveva infiammato un pomeriggio di Calolziocorte. Un suo tweet aveva infatti fatto convergere, prima a Lecco e quindi, di ripiego, a Calolziocorte, qualche centinaio di ragazzini provenienti da tutti i territori della zona. Insieme a un altro rapper, Escomar aveva intenzione di girare alcune scene nella zona del Lavello.

Altre notizie su La Provincia di Lecco sull’edizione di mercoledì 4 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA