Accoltellato sotto casa, aggressori fermati
I primi rilievi dei carabinieri subito dopo il ferimento di sabato sera

Accoltellato sotto casa, aggressori fermati

Sono due uomini, uno della città, l’altro di Calolziocorte, l’alterco sarebbe scoppiato a causa di debiti.Sono stati denunciati per lesioni aggravate. Il ferito è stato dimesso dall’ospedale: dieci giorni la prognosi

È fuori pericolo Carlo Piscitello, l’uomo di 42 anni accoltellato sabato sera poco dopo le 21, in via De Gasperi a Merate. È stato dimesso ieri mattina dopo le cure dei medici: la ferita al fianco sinistro subita nell’alterco con altri due individui era molto meno grave di quanto fosse sembrata in un primo momento.

All’inizio, infatti, si era temuto che potesse rischiare una emorragia interna, ma l’esame con la Tac ha dato riscontro negativo e quindi i medici del Leopoldo Mandic l’hanno suturato e rimandato a casa con una prognosi di 10 giorni per la guarigione.

I due aggressori sono stati rintracciati nella nottata a bordo di una utilitaria di colore scuro nella zona tra Olginate e Calolziocorte. Si tratta di due uomini, uno di 56 anni di Calolziocorte e uno di 27 anni di Merate. Sono stati portati in caserma per l’interrogatorio e per la ricostruzione dell’accaduto. A quanto pare l’alterco con Piscitello è dovuto ad una questione di debiti che il piccolo imprenditore edile avrebbe contratto con i due che si sarebbero presentati sotto la sua abitazione per un confronto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA