Martedì 03 Maggio 2011

Canada/ Successo nuova sinistra spariglia panorama politico

Montreal, 3 mag. (TMNews) - Gli elettori canadesi hanno ridisegnato il paesaggio politico del loro Paese, assegnando a una nuova formazione di sinistra 102 seggi alla Camera dei comuni, che ne conta in totale 308. "E' un fatto rivoluzionario", ha commentato Nelson Wiseman, professore di scienze politica all'università di Toronto. L'Ndp diventa così il secondo partito, "l'opposizione ufficiale", soppiantando i liberali. Inoltre, con 61 seggi guadagnati nel Quebec, il l'Ndp, il Nuovo partito democratico distrugge l'egemonia degli indipendentisti del Blocco del Quebec nella provincia francofona. L'unica cosa che l'Ndp non è riuscita a fare, è stato impedire al premier conservatore uscente Stephen Harper di conquistare la maggioranza assoluta alla Camera (39,6% dei consensi e 166 seggi) che gli consentirà di dare vita così al primo governo non minoritario dal 2006. "L'Ndp potrà rivendicare adesso il successo di essere l'unico partito su scala nazionale", spiega Viseman, poiché, ad esempio, i conservatori non hanno che sei seggi nel Quebec. All'inizio della campagna elettorale, il nuovo partito della sinistra raccoglieva appena il 12,8% delle intenzioni di voto in Quebec. Ma il carisma del suo leader Jack Layton, le sue performance nei dibattiti televisivi, il suo eloquio anche in francese, hanno avuto un effetto valanga per il suo partito e il 30,7% ottenuto col voto lo conferma. Layton ha chiesto un aumento delle tasse per le aziende di tre punti percentuali, la soppressione di due miliardi di dollari di sovvenzioni allo sfruttamento delle sabbie bituminose (depositi di sabbia e argilla satura di bitume ovvero petrolio allo stato solido o semi-solido, ndr.), controlli più rigidi per l'inquinamento, miglioramenti delle garanzie per i disoccupati, degli alloggi e dei servizi sanitari. Grazie a questo programma sociale il nuovo partito democratico ha attirato gli elettori delusi dal Blocco del Quebec e ha sedotto i francofoni adottando la formula delle "due nazioni". (fonte afp)

Fcs

© riproduzione riservata