Una domenica senza gol subiti  Cuoghi: «Questa la strada giusta»

Una domenica senza gol subiti

Cuoghi: «Questa la strada giusta»

Contro la Grumellese il Lecco ha concluso la prima partita con la porta inviolata - Il mister: «Donnarumma ha dato esperienza alla difesa, sono moderatamente soddisfatto»

Si è ripreso dall’influenza, mister Cuoghi. Ma, soprattutto, si è svegliato da un incubo: quello dei gol presi. Per uno che aveva annunciato di voler fare del Lecco un Fort Knox inviolabile, i 13 gol subiti in 6 partite (pur considerando la “scoppola” del 5 a 0 iniziale contro il Monza), la permeabilità della sua difesa era diventata davvero motivo di insonnia.

Il trainer bluceleste, infatti, tra le indicazioni positive emerse dalla vittoria contro la Grumellese, sottolinea: «Per la prima volta, oltre a non prendere gol, non abbiamo subito tiri in porta. Martinez non ha mai fatto una parata importante. La cosa più positiva è senz’altro questa. È un particolare dovuto a maggior concentrazione e maggior cattiveria. Probabilmente anche a quel pizzico in più di esperienza in difesa da quando è stato inserito Donnarumma nei quattro difensori. Quindi sono moderatamente soddisfatto». Cuoghi è un realista. Non si abbatte e non si esalta. Per cui tiene conto anche del fatto che, di fronte, aveva la Grumellese e non la Pergolettese, con tutto il rispetto dei bergamaschi: «Abbiamo avuto di fronte una squadra che non ha saputo creare granché. Ma non sapremo mai quanto ha contato questo particolare. Per quello che so, la Grumellese ha Piantoni e Tonani che non sono di basso livello. Non sono attaccanti inferiori a molti altri già incontrati. Siamo stati bravi noi a rischiare poco. Non abbiamo cercato la giocata più bella da vedere, ma la più sostanziosa».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 13 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA