Stefania ai confini del mondo  «I sogni si possono realizzare»
Da sinistra, il past president Airoldi, Stefania Valsecchi, il prefetto Baccari e il presidente Benedetti

Stefania ai confini del mondo

«I sogni si possono realizzare»

Avventura. “Steppo” Valsecchi è stata ospite del Panathlon club Lecco. Tra le sue imprese in bici, il raid sull’Himalaya e la Catania-Capo Nord

Si è tenuta l’altra sera la consueta cena conviviale del Panathlon club Lecco che, per l’occasione, ha visto come ospite alla Canottieri Lecco, la lecchese Stefania Valsecchi.

Si tratta dell’atleta-escursionista che si è resa protagonista a bordo della sua mountain bike di una straordinaria serie di viaggi su due ruote ai limiti del possibile, girando letteralmente ogni più impervia parte del mondo.

L’atleta ospite del circolo facente capo al presidente Riccardo Benedetti, ha così potuto raccontare e raccontarsi anche con l’aiuto di video delle proprie imprese. La ragione dell’importanza del contributo è strettamente legata alle sue imprese da atleta della bici. Visto che - solo per citare le primissime - può vantare nel maggio 2007 l’attraversata dell’Himalaya da nord (Lasa) a sud (Katmandu), con 1200 km in moutain bike, e quella d’Europa da Catania a Capo Nord da sola (5300 km in 29 giorni).

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola giovedì 14 marzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA