Record da Montecarlo a Venezia

Impresa del lecchese Fabio Buzzi

Per sette minuti ha migliorato il primato di Invernizzi. Sfida durissima realizzata con una barca “militare” costruita ad Annone

Record da Montecarlo a Venezia Impresa del lecchese Fabio Buzzi
La barca FB 60, a destra, con la più piccola F32 durante “l’incontro” a Messina

Nuovo record nautico non-stop tutto italiano e lecchese sulla tratta Montecarlo – Roccella Jonica – Venezia, in pratica il “giro d’Italia”.

A stabilirlo, con il tempo di 22 ore 5 minuti e 42 secondi, l’imbarcazione FB60 (un 18 metri, progettato per operazioni di salvataggio e controllo marittimo con 2 motori MTU da 1600 hp) prodotto dal cantiere nautico FB Design di Fabio Buzzi che ha abbassato il precedente primato di 7 minuti e 35 secondi, con una media di 52.3 nodi, pari a 97 km/h su una tratta di 1170 miglia nautiche.

Il precedente primato era sempre lecchese, stabilito da Mario Invernizzi nel settembre 2011 con l’imbarcazione da competizione “Kerakoll” (imbarcazione sempre di Fabio Buzzi con motori Fpt) che aveva chiuso la sfida al mare in 22 ore 13 minuti e 17 secondi.

Ci sono voluti ben cinque e una serie di tentativi andati a vuoto da parte di parecchi motonauti per arrivare alla nuova impresa lecchese. Infatti, martedì (ma è stato ufficializzato solo ieri) l’equipaggio capitanato dall’imprenditore Fabio Buzzi e composto dal lecchese Mario Invernizzi, Antonio Binda di Bosisio, Eric Hoorn e Stefano Gibelli, è riuscito nell’impresa.

Ma non è tutto. Sullo stesso percorso e nello stesso giorno, un altro scafo FB Design, precisamente il “piccolo” FB 32, pilotato da Roberto Rizzo e Vincenzo Tota, con equipaggio Marco Tassara e Carlo Menoni, motorizzato con 2 motori italiani VM da 350 hp, è partito da Montecarlo, ha rifornito lui pure a Roccella Jonica, arrivando a Venezia dopo 32 ore 46 minuti e 15 secondi, stabilendo il nuovo record nella classe minore fino a 9 metri, con una media di 35.26 nodi (65.38 km/h).

© RIPRODUZIONE RISERVATA