Petrella parla ancora catalano  «Obiettivo? Il Mondiale Trial 2»
Luca Petrella (a sinistra) insieme ad Andrea Dovizioso

Petrella parla ancora catalano

«Obiettivo? Il Mondiale Trial 2»

Il pilota di Malgrate confermato pilota ufficiale della Trrs di Barcellona

«Dopo il sesto posto adesso punto al podio. La maglia azzurra? Io ci sono»

Luca Petrella è stato riconfermato pilota ufficiale dalla spagnola Trs Raga Racing, l’azienda di Barcellona nata tre anni fa e che costruisce solo moto da trial.

Per il secondo anno la giovanissima casa motociclistica iberica ha riconfermato in Italia il diciannovenne pilota di Malgrate come prima guida. Una riconferma importante per il vice campione italiano della categoria TR1 (quella dei big) con l’obbligo di puntare al podio nel mondiale 2018 classe Trial 2.

«L’obiettivo è il Mondiale Trial 2 quello riservato ai giovani - dice - Nel 2017 ho concluso sesto assoluto dopo un buon inizio di stagione e una seconda metà dove ho sofferto, lasciando parecchi punti per strada»

Tra gli addetti ai lavori circola la voce di un possibile ritorno a indossare i colori della Nazionale italiana per il Trofeo delle Nazioni outdoor e indoor. «Beh sicuramente essere convocato in azzurro è sempre vanto e prestigio - premette Petrella - ho rinunciato quest’anno per una scelta tecnica, solo nella prova iridata mondiale outdoor per Nazioni a Baiona (Spagna, ndr). Ma se i vertici Federali faranno il mio nome per entrambi gli eventi, sarò pronto a ritornare in azzurro».

L’articolo completo sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA