Miriam e Sylvia,   abbiamo sofferto con voi
Miriam Sylla si oppone a muro a una schiacciata di Brankica Mihajlovic durante la finale di ieri ai Mondiali

Miriam e Sylvia,

abbiamo sofferto con voi

Volley mondiale. Papà Abdoulaye Sylla dal Lussemburgo : «Ci speravamo tantissimo ma saremo sempre accanto a lei». Sulla scarpa una dedica a mamma Salimata che però ora sta bene. Valgreghentino, Garlate e Olginate: «Bravissime»

Nel momento della speranza e del tifo, Valgreghentino, Garlate e pure Olginate erano al fianco delle loro campionesse Miriam Sylla e Sylvia Nwakalor. Ma la vicinanza è più forte che mai adesso, per asciugare le loro lacrime di rabbia e delusione per la bruciante sconfitta che la Serbia ha inflitto (3-2) alla nostra nazionale di pallavolo.

Una sconfitta sì, ma non dimentichiamo che al collo hanno la medaglia d’argento e il merito di aver portato ai vertici mondiali l’Italia. Per un paio d’ore abbiamo tutti creduto che il sogno potesse diventare realtà.

Lo si sente dalla voce affranta di Abdoulaye Sylla, papà della fortissima schiacciatrice, che si trova per lavoro in Lussemburgo con la famiglia: «Sono un po’ deluso perché ci speravo tantissimo, per mia figlia, per le altre ragazze e per l’Italia. Ma saremo sempre al fianco di Miriam».

Tutti i dettagli e altre foto, negli ampi servizi delle due pagine speciali dedicate ai Mondiali di volley, su “La Provincia di Lecco” in edicola domenica 21 ottobre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA