L’Open di Valmadrera  preda del siciliano Naso

L’Open di Valmadrera

preda del siciliano Naso

Ha battuto l’ascolano Vagnozzi per 6/4, 7/6. Il trapanese si è rifatto del ko patito lo scorso anno. Vassena, presidente del Tc88: «Un grazie a tutti»

Più che due finalisti, due “eroi” del tennis nazionale che si sono dati battaglia per oltre due ore in occasione della finale della 20esima edizione dell’Open Tennis Tc88 Valmadrera, che si è disputata ieri mattina con una temperatura vicina ai 35 gradi che sul cemento degli impianti al Rio Torto era percepita oltre i 40...Così è stato Gianluca “Giallo” Naso (230 delle classifiche Atp) ad aggiudicarsi la ventesima edizione dell’Open Nazionale di tennis organizzato dal Tc88 di Valmadrera in memoria di Luigi Frigerio.

Il siciliano, dopo essere stato finalista nell’edizione del 2014, vinta dal pugliese Thomas Fabbiano, non si è lasciato sfuggire l’obiettivo quest’anno, nonostante la strenua resistenza dell’ascolano Simone Vagnozzi. 6-4 7-6 lo score finale che ha impegnato per due ore i tennisti sull’infuocato centrale del Circolo del Rio Torto davanti ad un centinaio di spettatori e sotto quel sole implacabile che ha messo a dura prova le qualità atletiche dei due giocatori.

Dopo aver incamerato il primo set ed essere andato avanti 2 a 0 nel secondo, sembrava in discesa la strada per il trapanese, ma non aveva fatto i conti con la tenacia di Vagnozzi e in particolare il quinto game del secondo set, con i suoi 22 punti giocati e gli oltre venti minuti di durata è l’emblema dell’impegno e dell’agonismo che ha caratterizzato l’intero match arbitrato dal giudice di sedia Alessandro Provati.

Ma Vagnozzi proprio non ci stava a perdere e resisteva fino al tie break che Naso portava a casa grazie anche alla ritrovata efficacia del suo servizio.

Nelle semifinali Simone Vagnozzi aveva battuto Alessio Di Mauro 7-5 6-4, mentre Gianluca Naso aveva stroncato le velleità dell’ambizioso Matteo Trevisan (testa di serie numero 1 del torneo) con un perentorio 6-4 , 6-3.

Ampio servizio su La Provincia di Lecco in edicola lunedì 6 luglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA