Lecco, un epilogo amaro

Contestazione dei tifosi

Sul campo la stagione finisce 1-1 con il Gozzano e gol di Cardinio

La Curva durante e dopo la partita ha preso di mira la società

Lecco, un epilogo amaro Contestazione dei tifosi
La polizia presidia la sede della società

Il campionato per il Calcio Lecco finisce nel peggiore dei modi con una contestazione durissima, che richiede per alcuni attimi l’intervento delle Forze dell’Ordine, fuori dalla porta degli spogliatoi.

Oggetto della rabbia Ultras, presenti in massa fuori dalla sede (un centinaio di persone) l’amministratore delegato Paolo Cesana e l’ex presidente Invernizzi. Oltre al presidente attuale, Stefano Galati, lasciato però sullo sfondo almeno dei cori (ma non degli striscioni).

Timori sul futuro

Già durante la gara contro il Gozzano, finita 1-1, i cori erano stati molto pesanti, ma alla fine della gara è andata anche peggio. La tensione è stata altissima, con le due parti a guardarsi in cagnesco, fino a quando, con il passare dei minuti è finalmente calata. Il timore dei supporters della Curva (nei cori) era orientato verso una ipotesi di fallimento della società e per questo i dirigenti sono stati “invitata” a fare il proprio dovere per evitare questa ipotesi. Per entrare negli spogliatoi ci sono voluti quasi venti minuti.

Tutti i servizi su “la Provincia di Lecco” in edicola lunedì 5 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA