La Gaburro band   intona il nuovo assalto
Dragoni in azione tra due avversari durante l’amichevole col Seregno

La Gaburro band

intona il nuovo assalto

Calcio serie D. La settimana che condurrà alla trasferta di Chieri, regala all’allenatore una rosa sempre più completa. Il vice Boffetti: «L’amichevole-rissa non ha lasciato strascichi, il fatto è che qui tutti vogliono conquistarsi un posto»

Ma quali “remi in barca”, quale “rassegnati alla vittoria”? Il Lecco della ruspante amichevole con il Seregno è squadra viva, vivissima, pronta a rispondere colpo su colpo a qualsiasi giocatore o squadra avversaria. Amichevole o meno.

Si riprende, dopo due giorni di meritato riposo, allo stadio Rigamonti-Ceppi. Insieme a Marco Gaburro anche il suo fido “vice”, Gianbattista Boffetti: «Riprendiamo con la settimana tipo, pronti per il rush finale. L’amichevole-rissa non ha lasciato strascichi: è una cosa che è nata, si è sviluppata, ed è morta lì. L’importante è che rimanga confinata nei limiti della decenza. Ma anche uno schiaffone fa parte della storia del calcio. È servita a dimostrare che non ci siamo per niente “rammolliti”. Il nostro slogan è “A Lecco non ci sono partite amichevoli”. Massima concentrazione e correttezza ma tutti vogliono giocare la domenica, per cui danno sempre tutto».

Un messaggio chiaro alla Sanremese e a chi, d’ora in poi, spera in un “crollo” bluceleste che sarebbe motivato solamente da un inspiegabile calo di tensione. Che non ci sarà.

Tutti i dettagli negli ampi servizi della pagina speciale dedicata alla serie D, su “La Provincia di Lecco” in edicola martedì 12 marzo. Nello stesso numero, un’altra pagina sulle altre squadre lecchesi dall’Eccellenza alla Terza categoria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA