La freccia Meyergue c’è:   «Ma voglio migliorare»
Tutta la potenza di Meyergue al servizio di mister Tacchinardi

La freccia Meyergue c’è:

«Ma voglio migliorare»

Da eterna promessa a titolare, con mister Tacchinardi Patrick sta trovando il suo spazio - «Vorrei continuare così, sento la fiducia dell’allenatore - Devo essere più costante e preciso in zona gol»

È l’eterna promessa, Patrick Meyergue, attaccante bluceleste classe 1997. Ma raramente, inserito come titolare, si era fatto benvolere. Era riuscito meglio, a squadre stanche, a entrare in partita e a “spaccare” le difese avversarie. Ma qualcosa è cambiato.

Nelle ultime due gare da titolare, con Tacchinardi, ha fatto bene. Ha segnato, cosa non usuale per lui, e finalizzato. Insomma, sembra proprio che la “crescita” sia avvenuta. Forse perché Alessio Tacchinardi sembra credere fortemente in questo giovane 1997, che il prossimo anno dovrà trovare posto tra gli “Over”.

«Sono due partite di fila che gioco dall’inizio –ammette il giovane studente del Fiocchi - e spero di tenere il posto da titolare con il lavoro e l’umiltà, come sto facendo ora. Diciamo che entrare spesso a partita in corso non è sempre facile, anche se dite che mi è più congeniale. Bisogna vedere com’è messa la gara e tanti altri fattori... Domenica sono partito abbastanza bene e poi sono calato fisicamente: non giocando da tanto, fare due partite in quattro giorni è stato difficile. Un po’ le ho pagate, atleticamente. Però è vero: sto migliorando».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 1 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA