Introbio-Biandino spettacolare  Un fantastico tris di Carlo Ratti

Introbio-Biandino spettacolare

Un fantastico tris di Carlo Ratti

L’atleta dei Falchi vince per la terza volta di fila. Alle sue spalle chiudono insieme Bonanomi e Artusi - Al via in 470

Il lecchese quarantenne Carlo Ratti, portacolori dei Falchi Lecco, ha calato il tris nella Introbio-Biandino, gara di corsa in montagna che ha richiamato ieri in Valsassina ben 470 concorrenti (496 gli iscritti).Infatti, per la terza volta consecutiva, Ratti, uno specialista di queste competizioni, ha posto il sigillo sulla corsa organizzata del Centro sportivo di Cortenova con il patrocinio del Comune di Introbio: mille metri di dislivello per 8 km durissimi e spettacolari. Partenza dalla piazza del Comune di Introbio di primo mattino e arrivo alla Bocca di Biandino ai piedi del Rifugio Tavecchia.

Una giornata di sole ha contribuito alla buona riuscita dell’evento con Carlo Ratti che ha subito fatto capire di essere in buona forma facendo l’andatura con il compagno Paolo Bonanomi e Roberto Artusi di Pasturo ad inseguire.

Non c’è stato il record ma poco conta per il trionfo di Ratti in 44 minuti e 48” accolto sul traguardo da moltissimi appassionati. Pubblico che ha raggiunto Biandino per una giornata di festa (più di mille persone in quota). Un minuto dopo hanno tagliato il traguardo, insieme, Bonanomi e Artusi.

Al femminile il successo è andato alla valsassinese Debora Benedetti (Pasturo), 22^ assoluta, con il tempo di 52.34. Ha preceduto una grande Daniela Gilardi dell’Osa Valmadrera in 58.50. Grande soprattutto perchè la sera prima aveva corso nella 10 km del Manzoni a Lecco e poche ore dopo era a Introbio. Terzo posto per Alessia Bergamini (Cortenova in 1.00.78).

Ampio servizio su La Provincia di Lecco in edicola lunedì 29 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA