«Il Lecco è una grande   e va rispettato»
Tutta la gioia di Filippo Fabbro dopo un gol in maglia bluceleste

«Il Lecco è una grande

e va rispettato»

Filippo Fabbro, ex attaccante bluceleste, ora è diventato il presidente della Manzanese in D - «Giusto ridurre il numero delle squadre in C, mantenendo però le realtà più importanti come quella lecchese»

Filippo Fabbro ha 36 anni (a novembre). È stato un bomber molto amato della serie C1 bluceleste prima del fallimento. Ed è rimasto un bomber anche nelle vesti di dirigente.

“Pippo” fu il bomber di mister Giorgio Roselli, poi l’anno dopo, però, non andò molto bene. Tutti ricordano i play-out persi a Mantova e la retrocessione targata 2012. Ma ricordano anche quel 9 novembre 2011 in cui Fabbro, quasi da solo, sconfisse il Como in Coppa Italia facendo passare il turno al Lecco.

Ora, dopo una carriera chiusa in Friuli, al Cjarlins Munzane, squadra della sua regione, a 35 anni è diventato il massimo responsabile della Manzanese, appena promossa in serie D. E da lui arriva un appello al “suo” Lecco a non mollare, qualsiasi cosa decidano i vertici del calcio.

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 30 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA