Il Crossodromo del Bordone   vuol dare gas
Il Trofeo Barzaghi fiore all’occhiello del Mc Parini che ora punta sulla ripresa con la terza prova

Il Crossodromo del Bordone

vuol dare gas

Motociclismo. La pista permanente di Bosisio Parini punto di riferimento per le province di Lecco e Sondrio, messa a punto in modo da poter rispettare i nuovi protocolli

La pista del Bordone è pronta a ripartire. Quest’anno il Trofeo dedicato a un grande campione, Giuseppe Barzaghi di sidecarcross è giunto alla 27a edizione. Purtroppo anche il Crossodromo del Bordone come tutte le sedi sportive ha avuto uno stop forzato per il covid-19 così le prime due prove del Barzaghi 2020 sono saltate: si tratta di quelle del 5 e 26 aprile. Ma in calendario ne rimangono altre tre.

«Confidiamo in una possibile ripresa a breve - sottolinea il presidente e anima del Bordone, Walter Gaiardoni - perché il nostro calendario prevede il terzo round in data 14 giugno, spero vivamente di accogliere in piena sicurezza i piloti del Barzaghi e proprio per questo ci stiamo attrezzando per mettere tutti a loro agio e in sicurezza per venire da noi».

«Il problema resta il paddock, dove solitamente confluisce il maggior numero di spettatori, ma anche per questa area si sta facendo qualcosa. Anche sulle due tribune ci saranno i posti distanziati come da normativa».

Tutti i dettagli e altre foto nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” e “La Provincia di Sondrio” in edicola mercoledì 20 maggio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA