Il bilancio di Gaburro: «Un anno    di forti emozioni blucelesti»

Il bilancio di Gaburro: «Un anno

di forti emozioni blucelesti»

L’ex mister, esonerato a ottobre, ha affidato a un video su Facebook le immagini del suo 2019 - «Di sicuro questi 12 mesi li porterò con me con soddisfazione e un briciolo di orgoglio»

Mister Marco Gaburro dopo l’allontanamento forzato dal Lecco, non ha più parlato della sua squadra. Non lo ha fatto per correttezza e perché è ancora sotto contratto. Ma non lo fa anche per rispetto del lavoro di mister Gaetano D’Agostino. Per cui nel risentirlo al telefono ci siamo limitati a fargli gli auguri di buon anno nuovo e sentire come stava. Bene, naturalmente. Per un po’ ha voluto astrarsi dal mondo del calcio dedicandosi una vacanza. É stato anche a Parigi.

Il 3 ottobre, dopo l’esonero (1 ottobre) dopo Lecco-Alessandria e dopo la vittoria di Crema contro la Pergolettese, condita dalle tensioni che sarebbero partite dallo spogliatoio fino al presidente (che avrebbe reagito con l’esonero), è avvenuto il trasferimento nella “sua” Verona. E quindi il lungo mese “sabbatico” di riflessioni interne, di valutazioni, ma soprattutto di distacco dal mondo del calcio che tanto dà (vedi stagione 2018/19) ma altrettanto prende (vedi seconda parte del 2019). In questi giorni, prima dello scoccare della mezzanotte del 31 dicembre, Marco Gaburro è tornato a parlare. Su un social, Facebook. E ha fatto un suo bilancio, umano più che calcistico: «Che ci piaccia o no, l’ultimo giorno dell’anno è momento di bilanci. Non perché, in realtà, sia un giorno così diverso. La misura del tempo è indubbiamente una convenzione umana. Però psicologicamente lo si vede come tappa, step.

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 5 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA