Folgorati dalla fiammata   del “Drago” bluceleste
I blucelesti si complimentano con Draghetti dopo il gol che ha sbloccato la partita dei 32esimi di coppa

Folgorati dalla fiammata

del “Drago” bluceleste

Calcio serie D. L’accesso del Lecco ai sedicesimi di finale di coppa marchiato dal gol da trenta metri dell’attaccante. Seconda punta o esterno poco importa, Gianluca si è già adattato bene entusiasmando anche il presidente

Accantonato, messo in dubbio, poi ripescato. E domenica decisivo. È la parabola, felice, di Gianluca Draghetti da Castel San Pietro (Bologna). Un attaccante eclettico, capace di coprire indifferentemente il ruolo di seconda punta (nel 5-3-2 o nel 4-4-2), o di esterno d’attacco (nel 4-3-3).

Un attaccante nel pieno della sua maturità, a 25 anni. E che già domenica ha fatto la differenza con un gol da trenta metri che ha fatto stupore per rapidità di scelta e di tiro.

«C’è stata una palla recuperata – spiega lo stesso giocatore emiliano - Eravamo sui 30-35 metri. La palla mi è rimbalzata bene e subito ho pensato che la soluzione migliore fosse calciare direttamente in porta, visto che di solito un portiere non si aspetta un tiro da lì. Ho calciato bene e la palla è andata dove volevo. È stato un bel gol, questo sì».

Tutti i dettagli negli ampi servizi della pagina speciale dedicata alla serie D e alla Coppa Italia, su “La Provincia di Lecco” in edicola martedì 11 settembre. Nello stesso numero, un’altra pagina sulla prima giornata dei campionati dall’Eccellenza alla Terza categoria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA