Due Giorni della Brianza

Già si scaldando i motori

Presentata in Comune ad Oggiono un’edizione 2015 con novità

In gara anche Grattarola - La riscoperta della cava Malavoglia

Due Giorni della Brianza Già si scaldando i motori
Gli organizzatori della “Due Giorni della Brianza” di trial ad oggiono

Torna la Due Giorni della Brianza (Memorial Giulio Mauri) per l’edizione numero 33 della classicissima d’apertura del trial nazionale con, da cinque edizioni, Oggiono come località ospitante.

Alla presentazione dell’edizione 2015 in sala consiliare di Oggiono a fare gli onori di casa c’era il sindaco Paolo Roberto Ferrari, l’assessore Ferdinando Ceresa, mentre lo staff dirigenziale del Moto club Monza 1919 (organizzatore) era presente con il presidente Damiano Cavaglieri, il suo vice Romeo Ascherio e i consiglieri Stefano Galante e Roberto Pasquali, il pilota Fabio Lenzi ed Enrico Panzeri ha cucito i rapporti con i comuni coinvolti.

La manifestazione motociclistica si svolgerà interamente nel territorio lecchese e prenderà il via sabato 28 febbraio dal Centro sportivo Stendhal alle ore 10,30 con i concorrenti che dovranno affrontare circa 32 km e 20 prove attuando come verifica il nuovo regolamento.

La seconda giornata invece scatterà alle 8.30 con un percorso di 34 km e 30 prove che designeranno il vincitore della 33^ edizione della Due Giorni

Rispetto alle precedenti edizioni il percorso è stato drasticamente ridotto. Ma c’è ancora una novità e cioè che per la prima volta grazie a una deroga il trial andrà in una cava (cava Malavoglia di Oggiono) dove gli addetti stanno liberando il luogo da rovi e spine ripulendo quella nuova area.

© RIPRODUZIONE RISERVATA