La gioia di Panizza agli Europei  «Un oro vinto con tanto cuore»
Andrea Panizza (il secondo da sinistra) mostra orgoglioso la sua medaglia nel quattro di coppia assoluto

La gioia di Panizza agli Europei

«Un oro vinto con tanto cuore»

Tre medaglie e grandi soddisfazioni per gli atleti lecchesi, protagonisti nella competizione di Varese

I muscoli non sempre sono tutto. A volte ci vuole anche il cuore. Un cuore grande come quello dei quattro ragazzoni che domenica, sul lago di Varese, ci hanno regalato la vittoria che vale il titolo europeo del quattro di coppia assoluto azzurro.

Il cremonese capovoga Giacomo Gentili, il ferrarese Luca Rambaldi, il mandellese Andrea Panizza al carrello numero 3 e il prodiere pontino Simone Venier ci hanno fatto vivere emozioni immense. Ed è tornato in mente l’oro vinto a Seoul 1988 da quel fantastico quadruplo di Agostino Abbagnale, Davide Tizzano, Gianluca Farina e del mandellese Piero Poli.

Tante emozioni per questa barca giovane, ma che ha avuto una storia molto travagliata. Campione del mondo 2018, nel 2019 la qualifica a Tokyo ma poi ha perso il suo prodiere, Filippo Mondelli della Canottieri Moltrasio, colpito da un sarcoma aggressivo, operato e tuttora in convalescenza. Poi anche Panizza fuori causa l’anno scorso per un intervento alla spalla, fortunatamente risolto bene. A quel punto, in tanti avevano dato la barca in disarmo, ma il cuore di quei ragazzoni ha continuato a battere più forte.

«Ci siamo e continueremo a lottare con il cuore – è perentorio Andrea Panizza – per rinverdire le glorie passate. Questa vittoria la dedichiamo a “Mondo” (Filippo Mondelli n.d.r.), che è sempre con noi e ringraziamo le Fiamme Gialle per il supporto che non ci fanno mancare».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 13 aprile


© RIPRODUZIONE RISERVATA