Fibrillazione Lecco per i playoff
E capitan Harting non ci sarà

Sabato a Mantova la difficile gara secca del primo turno di A2. Il bomber è squalificato: «Mi dispiace tantissimo, però fa parte del gioco».

Fibrillazione Lecco per i playoff E capitan Harting non ci sarà
Il capitano Ivan Hartingh, laterale argentino di passaporto tedesco,

Appuntamento con la storia sabato pomeriggio alle 16 per il Lecco. I blucelesti di mister Pablo Parrilla, al Palaneolu di Mantova, scenderanno in campo contro i padroni di casa nella gara secca valida per il primo turno dei playoff di serie A2. Mai la società lecchese era arrivata così in alto e l’intento è quello di prolungare il più possibile la stagione.

Lecco che dovrà fare a meno del proprio capitano e bomber Ivan Hartingh. Il forte laterale argentino di passaporto tedesco, 19 reti sinora, sarà infatti assente per squalifica, ma farà di tutto per sostenere i propri compagni dagli spalti.

«Sono molto contento di aver raggiunto questi playoff - commenta Ivan -. Non erano certo il nostro obiettivo a inizio anno, ma settimana dopo settimana abbiamo costruito un gruppo che è diventato una vera e propria famiglia capace di conquistare il quinto posto finale. Quando stai bene con le persone con cui giochi e ti alleni tutti i giorni ti viene naturale dare sempre di più».

Traguardo insperato a inizio stagione, ma partita questo Lecco ha dimostrato fin da inizio campionato di avere ottime qualità, tenendo testa anche allo stesso Mantova, dominatore del girone insieme al 360GG. Le difficoltà non sono comunque mancate: «Purtroppo durante la stagione abbiamo perso diversi compagni, o per scelte personali o per infortunio, e siamo arrivati alla fine un po’ contati. Nonostante questo, non abbiamo mai mollato e siamo arrivati dove credevamo di poter arrivare».

Il momento più complicato di questa annata? «Sicuramente dopo Natale - prosegue il numero 10 bluceleste -. Abbiamo avuto tanti casi Covid che non ci hanno permesso di allenarci e abbiamo disputato due gare decisive contro Elledi e 360GG nel giro di quattro giorni senza allenamenti nelle gambe».

Quello più bello? «Sono stati tanti, a partire dalla gara di sabato che ha sancito il quinto posto. Tra le altre, ricordo con piacere la vittoria in casa contro l’Arzignano per 2-0. eravamo senza Scarpetta e Picallo squalificati, ma abbiamo dato tutto e vinto una partita difficilissima».

E ora il Mantova, per un nuovo match da vivere da spettatore: «Mi dispiace tantissimo, però fa parte del gioco. Siamo arrivati a fine campionato con tanti giocatori in diffida, nelle ultime gare sono stati fuori per lo stesso motivo Garcia Rubio prima e Mentasti poi. Stavolta è toccato a me».

Assenza pesante, contro una delle maggiori candidate alla promozione: «Il Mantova è una grande squadra e l’anno scorso era in A. Possono contare su un giocatore come Titon che centra la porta da qualsiasi parte del campo e infatti ha segnato 50 gol. Noi però ce la giocheremo convinti delle nostre qualità».

Da sottolineare che la società bluceleste ha organizzato un pullman gratuito per consentire a tutti i tifosi interessati di seguire la squadra in trasferta e tifare i blucelesti dagli spalti del Palaneolu.

Per aderire all’offerta è possibile contattare il numero 347-6747126.

© RIPRODUZIONE RISERVATA