Burkholder, un’americana a Costa
Super a rimbalzo, esperienza da vendere

Iniziati gli allenamenti per la nuova arrivata agli ordini di coach Seletti. Kirby si dice «entusiasta di vestire la maglia biancorossa, darò il massimo per la squadra».

Burkholder, un’americana a Costa Super a rimbalzo, esperienza da vendere
Fabrizio “Bicio” Ranieri direttore generale del Basket Costa e Kirby Burkholder

Quinto giorno in casa Limonta Costa Masnaga per l’esterna classe ’92 Kirby Burkholder , che ha iniziato gli allenamenti agli ordini di coach Paolo Seletti e del suo vice Pier Rossi.

Per lei sono già cominciate le doppie sedute giornaliere sul parquet del palazzetto di via Verdi: al mattino lavoro individuale più pesi e al pomeriggio sessioni di squadra. La statunitense è reduce da una stagione nel campionato di Porto Rico, in cui con la maglia di Santurce ha fatto registrare numeri di tutto rispetto: 16,2 punti, 8,3 rimbalzi e 2,5 assist di media a partita. Una giocatrice versatile che ha già testato la serie A1 italiana nel 2014/2015 con la casacca di Orvieto e che può vantare un curriculum di prim’ordine nelle leghe maggiori di Belgio, Ungheria e Polonia.

Il Costa punta con il suo inserimento ad aumentare la pericolosità perimetrale, oltre ad allargare il campo per liberare spazio alle penetrazioni. A ciò vanno aggiunte le ottime doti dell’americana a rimbalzo, fondamentale in cui le biancorosse hanno avuto qualche problema nel girone d’andata. Dal punto di vista tecnico Burkholder nasce come guardia, ma può ricoprire anche i ruoli di ala piccola e di ala grande. Una giocatrice d’esperienza che sarà sicuramente utile a una Limonta rinata in questo inizio di 2022. Una squadra che, dopo aver archiviato i problemi della prima parte di stagione tra addii e infortuni, adesso ha trovato una sua dimensione di gioco, come dimostrano i quattro successi consecutivi delle ultime settimane.

«I miei primi giorni in Italia si stanno rivelando molto positivi - spiega Burkholder -. Chiaramente sono ancora in una fase di assestamento, ma sono molto soddisfatta di come abbiamo iniziato a lavorare. Sono stata accolta alla grande dalla società, dalle compagne di squadra e dallo staff tecnico».

A livello fisico si sente molto bene «anche perché non vengo da un periodo di fermo, ma al contrario ho giocato con costanza nella prima parte della stagione - continua -. Sono entusiasta di poter vestire la maglia biancorossa e darò il massimo per chiudere la stagione nel migliore dei modi, cercando di aiutare la squadra a centrare i suoi obiettivi. Voglio dare il mio contributo per questo importante finale di campionato». E il lavoro che sta svolgendo con coach Seletti? «Finora ho fatto pochi allenamenti, ma l’impressione è ottima sia a livello di club che di gruppo tecnico. Coach Seletti è un allenatore molto competente ed esperto. È veramente utile ascoltare le sue indicazioni in campo. Sono molto felice di essere qui a Costa».

Dopo il rinvio della gara della scorsa domenica sul campo dell’Umana Reyer Venezia, ora il Costa è atteso da due settimane intense con ben quattro incontri nel giro di pochi giorni. Nel dettaglio: il 13 marzo sul campo del Fila San Martino di Lupari, il 20 in casa con Empoli, il 26 la trasferta contro la Dinamo Sassari e il 30 la visita alla Magnolia Campobasso.

Questa la classifica aggiornata con le gare da recuperare: Schio*** 38, Bologna** 30, Lucca* 30, Venezia****** 28, Ragusa*** 24, Campobasso*** 20, San Martino di Lupari** 20, Sesto San Giovanni* 20, Costa Masnaga**** 16, Sassari*** 14, Faenza** 10, Moncalieri*** 8, Broni**** 6, Empoli*** 4.

© RIPRODUZIONE RISERVATA