Scoppia la lite tra vicini ad Abbadia  Un’anziana di 94 anni in ospedale
La signora è stata giudicata guaribile con una prognosi di 30 giorni

Scoppia la lite tra vicini ad Abbadia

Un’anziana di 94 anni in ospedale

L’aggressione, da parte di un settantenne, dopo l’ennesimo diverbio tra i due - Il racconto della figlia della donna: «Le ha rotto lo zigomo e ora mamma è terrorizzata»

Aggredita da un vicino di casa, finisce al pronto soccorso con una prognosi di 30 giorni. Ad avere la peggio un’anziana di 94 anni, che la mattina del 20 ottobre sarebbe stata aggredita, per futili motivi, nel cortile della palazzina dove vive.

A raccontare la vicenda che sta facendo scalpore in paese, è la figlia dell’anziana, che ora per motivi di sicurezza ha lasciato la propria abitazione. Ha troppa paura per tornare in quella casa.

«Mia mamma ha problemi di osteoporosi certificati e da quando è vedova prende le pastiglie per dormire. Ma qualcuno dice che ha una doppia vita, che di notte sposta i mobili, che butta le stoviglie per terra e cose simili - racconta la figlia -. Il 20 ottobre, una domenica mattina piovosa, stava andando a messa, neanche il tempo di fare dieci passi ed è stata aggredita. L’aggressore le ha fratturato uno zigomo, e l’ha terrorizza come ormai fa da cinque anni. Fortunatamente è riuscita ad attaccarsi al citofono e c’è stato chi è intervenuto e l’ha aiutata».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 29 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA