Rogo sul Monte Croce  È caccia al piromane
Esino Lario - Il fumo dell’incendio sul Monte Croce (Foto by Bergamini Alessia)

Rogo sul Monte Croce

È caccia al piromane

Il sindaco di Esino: «Sta indagando la Forestale»

L’incendio che per due giorni ha divorato oltre 36 ettari di bosco sul Monte Croce a Esino Lario è definitivamente spento. Il sopralluogo effettuato ieri mattina dai volontari delle Squadre antincendio della Comunità montana Valsassina, ha escluso altri focolai attivi.

Estinte le fiamme, restano da chiarire le cause del rogo, anche se si fa sempre più forte la convinzione che dietro il fatto ci sia la mano dell’uomo. Un piromane che abita in zona e che non si fa scrupolo di distruggere flora e fauna, mettendo a rischio l’incolumità altrui. Senza contare il danno economico, dovuto alla devastazione del bosco e ai costi delle operazioni di spegnimento.

«Sulle cause dell’incendio sono in corso le indagini affidate ai Carabinieri Forestali conferma il sindaco di Esino, Pietro Pensa - Queste ore mi hanno toccato personalmente».

L’articolo completo sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA