Razziavano i motori delle barche

Tre “pirati” finiscono a processo

Colico, i moldavi alla sbarra sono accusati

di furti messi a segno lungo tutto il lago

Razziavano i motori delle barche Tre “pirati” finiscono a processo
Colpi sono stati registrati da Sorico a Verceia, da Valmadrera a Colico

Erano stati chiamati “i pirati del lago”. Nel 2011 avevano preso di mira una serie di cantieri e porticcioli per rubare i motori delle barche.

Ladri specializzati: una banda, o forse più di una, composta soprattutto da cittadini dei Paesi dell’Est europeo. Un fenomeno esteso, i cui confini complessivi sono peraltro ancora difficili da definire visto che operavano il Lario, la sponda lecchese e quella comasca, in Alto Lago ma non soltanto (l’episodio che ha dato il via all’operazione dei carabinieri, per esempio, si verificò a Valmadrera).

Le cronache provenienti dal Lago Maggiore o dai laghi di Garda e d’Iseo raccontano però di storie analoghe.

Oggi in aula a Lecco davanti al giudice Nora Lisa Passoni, è arrivata soltanto una parte della vicenda giudiziaria legata alla “pirateria” lariana. E anche questa parte, tra l’altro, si è ulteriormente assottigliata: il procedimento all’inizio riguardava una decina di imputati per una quarantina di denunce.

Ora, tra stralci e altre “svolte”, sono rimasti soltanto tre gli imputati, tutti di nazionalità moldava.

Gli imputati debbono rispondere di una decina di episodi.

L’articolo completo sul giornale in edicola domani, mercoledì 7 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA