Mandello, Quaranta chilometri di curve   Viaggio della speranza per vaccinarsi
Il centro di Pra’ Magno verrà smantellato, ma i cittadini e sindaci non ci stanno

Mandello, Quaranta chilometri di curve

Viaggio della speranza per vaccinarsi

Con la Bellano-Taceno chiusa, raggiungere l’hub di Barzio comporta gravi disagi I residenti di Dervio e Colico preferiscono andare a Morbegno, quelli di Bellano a Gravedona

Da Dervio e Colico a Morbegno per il vaccino, e da Bellano a Gravedona. Un vero e proprio pellegrinaggio per gli “over 70”. Ma il fatto ancora più strano è che chi abita nei paesi dell’alto lago, ed ha tra i 74 e i 70 anni, come alternativa di scelta non ha il Palataurus di Lecco ma l’hub della Comunità montana di Barzio che dovrebbe aprire dal 26 aprile.

La scelta

E così piuttosto che accollarsi un viaggio in Valsassina salendo da Bellano verso la provinciale 62 e svoltando sulla Parlasco Portone, uscendo a Cortenova e da lì verso Barzio, gli “over 70” preferiscono espatriare in provincia di Sondrio e raggiungere Morbegno, che non è dietro l’angolo ma almeno la strada è più scorrevole. La Bellano Taceno in questo periodo è chiusa per lavori. Per raggiungere Barzio bisogna mettere in conto una quarantina di chilometri tra curve e tornanti non piacevoli , un viaggio che rischia di scoraggiare gli indecisi. Chiusi i punti vaccinazioni di Bellano, Perledo e Mandello, i residenti sul territorio del lago dovevano confluire verso il Palataurus di Lecco che però non riesce a soddisfare le richieste del territorio.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola venerdì 16 aprile


© RIPRODUZIONE RISERVATA