Mandello, niente raduno,   un danno da 450 mila euro
I guzzisti intervenuti al raduno i l’anno scorso sono stati 30mila

Mandello, niente raduno,

un danno da 450 mila euro

Annullato l’evento per evitare affollamenti si fanno i conti dei mancati ritorni economici per il paese

L’anno scorso registrate 30 mila presenze con notevole giro d’affari per il turismo. Salta anche la festa dei 99 anni

Annullato il motoraduno Guzzi in programma a settembre, ci sarà una perdita economica notevole, per tutto l’indotto che ruota attorno alla manifestazione. Si parla di un volume di affari di 450 mila euro.

A pagare il conto più salato sono le associazioni che si occupano della manifestazione, e che con gli introiti riuscivano ad avere poi delle risorse per altre iniziative ed in particolare per l’evento dei cento anni della Moto Guzzi in calendario per il 2021.

Il turismo langue

La mancanza del motoraduno si farà sentire anche nel settore turistico, tra gli albergatori e i bed and breakfast.

Potrebbe però esserci un ancora di salvezza.

«Molti affezionati guzzisti che ogni anno arrivano in paese per il motoraduno hanno assicurato che passeranno lo stesso da Mandello per fare un giro. Guzzisti che arrivano soprattutto dalla Lombardia e dal nord Italia, che a settembre approfittando ancora del bel tempo visiteranno il nostro paese - spiega il sindaco Riccardo Fasoli -, e questo ci fa sperare anche sul fronte delle presenze nelle strutture turistiche, consapevoli che sarà molto diverso dagli altri anni».

Impossibile organizzare l’evento con le attuali regole del distanziamento sociale, considerato che lo scorso anno c’erano state 30 mila presenze, con eventi molto affollati, ed oggi con l’emergenza sanitaria in corso sarebbe impensabile riuscire a fare rispettare le regole.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola venerdì 14 agosto


© RIPRODUZIONE RISERVATA