Mandello, muore dopo dieci mesi
dall’incidente con la motosega

Enrico Lafranconi, classe 1952, risiedeva all’Airoldi e Muzzi dopo l’infortunio di gennaio. E’ spirato ieri mattina

Mandello, muore dopo dieci mesi dall’incidente con la motosega

A poco più di dieci mesi dall’incidente in cui era rimasto coinvolto riportando ferite molto gravi, dalle quali non si era più completamente ripreso, è scomparso Enrico Lafranconi, classe 1952.

Era la mattina dell’11 gennaio quando stava tagliando la legna con una sega circolare in un terreno sopra Rongio, e all’improvviso era stato colpito dalla lama al volto. Ricoverato al San Gerardo di Monza prima e poi in altri istituti. Da mesi era agli istituti riuniti Airoldi e Muzzi di Lecco dove il suo cuore si è fermato.

Lafranconi è noto per essere stato istruttore di roccia della scuola di alpinismo del gruppo Corvi, aveva fatto parte del Soccorso alpino ed aveva prestato servizio sull’eliambulanza del Sant’Anna di Como.

© RIPRODUZIONE RISERVATA