Mandello, Miasmi, tempo scaduto

Fasoli: «Pronti a bloccare la produzione»

Il sindaco lancia l’ultimatum alla “Gilardoni Vittorio cilindri” ancora non in regola Dall’ultimo sopralluogo dell’Arpa emerse criticità ma i lavori non sono stati ancora effettuati

Mandello, Miasmi, tempo scaduto Fasoli: «Pronti a bloccare la produzione»
La Gilardoni Vittorio cilindri nel mirino per i miasmi

«Se la ditta “Gilardoni Vittorio cilindri” non provvederà a completare gli interventi avviati per eliminare i miasmi che si diffondono nell’aria dovrò intervenire come sindaco e chiudere, o comunque limitare l’attività dei reparti non in regola. Questa volta vogliamo risposte certe».

Da due anni

Il sindaco Riccardo Fasoli la prossima settimana, si troverà per l’ennesima volta con Arpa e Amministrazione provinciale per decidere il da farsi, visto che ormai la vicenda si trascina da più di due anni.

Nell’ultimo sopralluogo effettuato da Arpa lo scorso gennaio erano emerse delle criticità legate al contenimento degli odori. Per fare un esempio pratico è come pretendere di non avere odori per casa senza collegare la cappa aspirante quando si cucina. L’azienda non avrebbe ancora fatto tutti gli interventi che dovevano essere già completati da mesi.

«La volontà di tutti è quella di arrivare ad una soluzione, ora però ci troviamo a dover valutare delle prescrizioni importanti e dare scadenze ben precise all’azienda», prosegue Fasoli che non nasconde la possibilità di poter arrivare ad un blocco della produzione fino a quando tutto non sarà a norma.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola Venerdì 14 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA