Lecco. Turismo sul lago
Numeri positivi nel lusso

A Mandello l’esclusiva Villa Lario Resort ha ottenuto le cinque stelle e ha aperto un ristorante: «Prenotazioni fino a settembre, anche dagli Stati Uniti»

Lecco. Turismo sul lago Numeri positivi nel lusso
Una veduta dal lago di Villa Lario Resort a Mandello

Gli ultimi dati statistici confermano come la voce “turismo”, sul ramo lecchese del Lario, abbia dato segnali confortanti di ripresa.

Ed è quello si augurano anche nella struttura ricettiva più prestigiosa del lago e cioè Villa Lario Resort di Mandello: dal 2021 un raffinato 5 stelle con le sue sette luxury suite. Camere “dedicate” alle località più caratteristiche del Lario (Bellagio, Varenna, Dervio, Oliveto e Mandello), fatta eccezione per le due in darsena che portano i nomi dei venti tipici del ramo lecchese (Breva e Tivano).

La stagione 2022 è vista, da Raffaella Di Gennaro ed Esa Secca, le due titolari di Villa Lario Resort, come quella del definitivo rilancio dopo due anni difficili.

«Il 2020 in piena pandemia da Covid-19 – spiega Esa Secca – è stato un anno orribile. Nonostante questo abbiamo aperto, nei limiti del consentito, per dare un segnale che noi «c’eravamo» anche se è mancata tutta la clientela inglese e soprattutto americana. Nel 2021 con il riconoscimento delle 5 stelle e l’allestimento di due nuove suite in darsena a pelo d’acqua con vista mozzafiato speravamo di poter ripartire in pieno, ma ancora una volta abbiamo dovuto fare i conti con la pandemia aprendo da giugno con un incremento però di italiani. Clientela che lasciava trasparire la voglia di uscire da un tunnel lunghissimo concedendosi anche alcuni lussi che normalmente magari non rientravano nel budget. Certamente i numeri però non sono stati quelli che potevamo realizzare in altre condizioni».

Ed eccoci al 2022 che dovrebbe segnare il ritorno ad una normalità sia pure “vigilata”.

«I due anni difficili – spiega Raffaella Di Gennaro – non sono stati però totalmente negativi: ci sono serviti per raccogliere le indicazioni della clientela per poterci così riproporre con novità anche per il 2022. Villa Lario Resort, del resto, in questi due anni difficili non si è fermata anzi ha investito molto andando in controtendenza rispetto alle difficoltà del momento. Ed anche ora, ad inizio stagione 2022, ci proponiamo con una novità puntando su un’offerta di alta qualità con l’apertura del ristorante gourmet vista lago “Amandus” affidato alla creatività dell’executive chef Luca Mozzanica».

Amandus (dal latino “amabile”, “da amare”) non è stato scelto a caso. Infatti il toponimo di Mandello molto probabilmente deriva, dall’antroponimo latino Amandus o dal corrispettivo femminile Amanda.

«Perché questo nuovo investimento in un momento difficile e anche rischiando? Perché – risponde Esa Secca – innanzitutto abbiamo voluto puntare sull’alta ristorazione per dare un qualcosa di esclusivo a questo ramo del lago e poi perché abbiamo cercato di andare incontro alle esigenze di una clientela sempre più raffinata che ama il nostro territorio, ma anche un servizio di lusso tutto compreso. E devo dire che la risposta è stata già confortante perché abbiamo prenotazioni sino a fine stagione con anche il ritorno della clientela d’oltre oceano».

Un investimento importante sul territorio che ha portato anche ad un conseguente aumento dell’occupazione di Villa Lario Resort che oggi può contare su 25 dipendenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA