Lago, Sicurezza dei bagnanti
Droni come salvagenti

Lago La sperimentazione nazionale parte da Colico Sono dei supporti da inviare alle persone in difficoltà I bagnini intanto stanno prendendo servizio nei lidi

Lago, Sicurezza dei bagnanti Droni come salvagenti
I “droni “ di salvataggio in acqua attivi perla prima volta a livello nazionale

Due “droni” di salvataggio in acqua, ovvero dei salvagenti radiocomandati per portare immediato aiuto a bagnanti in difficoltà. La sperimentazione a livello nazionale parte da Colico, con un salvagente a disposizione a Piona e uno in zona Ontano.

Si possono spostare

Pronti in caso di emergenza a spostarli su altre zone. A coordinare il servizio saranno gli operatori di salvataggio in acqua del coordinamento provinciale della Croce rossa, Opsa.La presentazione ufficiale è in programma per domenica 29 maggio, nello specchio d’acqua davanti a piazza Cermenati a Lecco, con dimostrazioni dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16.

«Si chiamano “droni” di salvataggio, ma non volano, sono dei salvagenti radiocomandati che dalla spiaggia vengono inviati in direzione della persona in difficoltà nel lago - spiega Alberto Guglielmo, responsabile degli Operatori di salvataggio in acqua della Croce rossa di Colico -, così da accorciare i tempi di soccorso».

Salvagenti che affiancheranno il servizio bagnini, in un’estate che non è ancora iniziata ma che ha già segnato una vittima nel lago. Nei giorni scorsi una coppia di americani in vacanza a Gravedona, ha affittato una barca e raggiunta Piona di Colico, la donna, 54 anni, si è tuffata ma per lei non c’è stato più nulla da fare.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola martedì 24 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA