Monticello, identificati i giovani del video   Ora devono pagare  i danni
Lo spartitraffico contro il quale si sono schiantati i protagonisti a bordo dell’Alfa Romeo e hanno divelto il cartello

Monticello, identificati i giovani del video

Ora devono pagare i danni

Indagini della polizia locale che ha individuato i protagonisti, uno del paese e l’altro di Casatenovo. Dovranno risarcire l’amministrazione provinciale per i danni al cordolo in granito e per il cartello stradale divelto. Intanto il web si scatena con l’ironia

I due protagonisti dell’incidente a 160 all’ora a bordo di una Alfa Romeo Giulia che si sono immortalati in un video e che sono stati identificati dalla polizia locale, dovranno pagare i danni alla Provincia.

La rete impazzita

Come si ricorderà, dall’altro giorno gira in rete il video di due giovani che a bordo della berlina di casa Alfa percorrono via Provinciale in direzione sud a velocità elevata e si schiantano contro la rotonda di Torrevilla all’altezza dell’incrocio con la provinciale per Viganò.

La polizia locale di Monticello ha fatto ieri mattina le indagini del caso, sentendo parecchi residenti della zona, ed è risalita all’accaduto, trasmettendo poi all’amministrazione provinciale di Lecco i dati dei due giovani coinvolti per la procedura di risarcimento danni.

Hanno infatti divelto un cartello segnaletico posto sull’aiuola spartitraffico appena prima della rotonda, e terminata la corsa proprio sulla rotatoria, di cui hanno danneggiato il cordolo in granito e un secondo cartello stradale. Danni per qualche centinaio di euro se non di più, di cui saranno chiamati a rispondere. E che si aggiungono a quelli causati alla Giulia, finita praticamente distrutta. L’incidente è accaduto nella notte tra venerdì 6 e sabato 7 settembre, così ha scoperto la polizia locale, ed è stato rilevato da una pattuglia della Tenenza della Guardia di Finanza di Cernusco Lombardone che passava per caso sul posto.

Intanto contro di loro anche l’ironia del web

Tutti i particolari su La Provincia di Lecco in edicola giovedì 12 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA