Casatenovo, piazza in dirittura Ricorderà San Massimiliano Kolbe
I lavori in piazza della chiesa a Rogoredo

Casatenovo, piazza in dirittura
Ricorderà San Massimiliano Kolbe

Rogoredo , la proposta della giunta approvata anche dai gruppi consiliari di minoranza - Scelto perché caro allo storico parroco don Luigi Corti, che lo citava spesso nelle sue omelie

Su proposta del sindaco Filippo Galbiati ed interpellati i tre gruppi consiliari di Casatenovo che hanno espresso il loro assenso, l’amministrazione comunale ha deciso di intitolare la piazza della chiesa di San Gaetano a Rogoredo a San Massimiliano Kolbe.

La scelta è ricaduta su Kolbe per una ragione in particolare: «Kolbe era una figura molto cara a don Luigi Corti, parroco di Rogoredo dal dopoguerra e per oltre 50 anni – spiega la giunta - ne ricordava spesso l’alto esempio di altruismo e carità cristiana. Specie negli anni Ottanta a seguito della conclusione del processo santificazione da parte Giovanni Paolo II, polacco come Kolbe, nelle prediche e nel catechismo di don Luigi ricorreva spesso la figura del francescano polacco».

Kolbe, infatti, offri sé stesso ai nazisti ad Auschwitz, in sostituzione di un padre di famiglia. Al giovane aguzzino negli ultimi istanti della sua vita pare abbia detto: «Lei non ha capito niente della vita …», proseguendo poi con le parole che sono da molti ricordate: «L’odio non serve a niente… solo l’amore crea».

I particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola martedì 10 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA