Lecco, condannati per terrorismo Moglie espulsa dall’Italia
Abderrahim Moutaharrik

Lecco, condannati per terrorismo
Moglie espulsa dall’Italia

Ad Abderrahim Moutaharrik revocata invece la cittadinanza italiana

E’ stata espulsa e rimandata in Marocco Salma Bencharki, 29 anni, moglie di Abderrahim Moutaharrik, il campione di kick boxing condannato per terrorismo e attualmente in carcere. Una notizia che il nostro giornale aveva anticipato il 4 luglio scorso, quando il Tribunale per i minorenni di Milano - presidente relatore Antonella Brambilla, giudici Alberto Viti, Sandra Sandri e Filippo Marconi - aveva depositato il decreto con il quale ha deciso la decadenza della coppia dalla responsabilità genitoriale nei confronti dei due figli minori, di 7 e 5 anni. Era l’ultimo ostacolo all’espulsione.

Pochi minuti fa fonti del Viminale hanno riferito alle agenzie di stampa l’avvenuta espulsione, che avrebbe dovuto essere ufficializzata domani mattina nel corso di una conferenza stampa in Questura a Lecco. La donna è stata rimpatriata dagli uomini della Polizia di Stato, che hanno eseguito l’ordine di allontanamento per motivi di sicurezza dello Stato firmato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. La cittadina marocchina è stata ritenuta anche lei parte dell’associazione con finalità terroristiche ed è stata condannata per questo, condanna che ha terminato di espirare qualche mese fa.

A Moutaharrik, che nelle intercettazioni parlava anche di un possibile attentato in Vaticano, è stata invece notificata la revoca della cittadinanza italiana, come proposto dal Viminale qualche mese fa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA