La Guzzi apre i cancelli della fabbrica  A settembre due giornate a tutto gas
L’edizione dello scorso anno di porte aperte alla Guzzi

La Guzzi apre i cancelli della fabbrica

A settembre due giornate a tutto gas

Secondo le stime sul lago potrebbero arrivare almeno diecimila appassionati

La novità: i motociclisti potranno far controllare i loro veicoli nelle officine di Mandello

Guzzisti, a settembre tornerà a Mandello l’open house, ovvero una tre giorni dall’11 al 13 settembre che sarà una festa e un incontro dedicato al mito Moto Guzzi.

La kermesse darà agli appassionati della casa dell’aquila la possibilità di partecipare al raduno che richiamerà su “quel ramo del lago” guzzisti da tutto il mondo.

Numerose iniziative

Molteplici saranno le iniziative dedicate alla casa motociclistica. Anche la casa madre metterà a disposizione per il test raid le moto della gamma che ancora oggi vengono realizzate una per una a mano e di questo ovviamente l’azienda motociclistica mandellese va fiera, poiché a offrire questa ghiotta opportunità oggi è solo la Moto Guzzi. Tecnici qualificati e capaci che assemblano a partire dal motore i pezzi che scendono dalle linee di montaggio della fabbrica che ha la sua storica sede in via Parodi, dove Guzzi e Parodi fondarono il glorioso marchio che è sicuramente uno dei più conosciuti al mondo.

È tradizione come souvenir quando si va in viaggio portare a casa un ricordo del luogo visitato e anche a questo Moto Guzzi ha pensato mettendo a disposizione delle migliaia di intervenuti un punto vendita, che venderà dagli orologi con il marchio dell’aquila alla semplice spilletta con il logo dell’azienda, passando dalla serie di foto di moto d’epoca al giubbotto da viaggio, dal semplice foulard alla t-short o ai libri dedicati alla Moto Guzzi.

Visita al museo

Ma la novità più interessante di questo porte aperte 2015 è che gli iscritti alla comunity e possessori di Moto Guzzi potranno in questa tre giorni usufriure di un check-up per la propria moto nelle officine di Mandello.

L’ingresso in fabbrica è il momento più atteso dai guzzisti che si metteranno in fila per vedere i luoghi emblematici della fabbrica: dalla mitica galleria del vento (realizzata 65 anni fa e che ha visto la casa di Mandello prima al mondo ad avere questo gioiello), allo storico museo che è considerato uno dei più belli per la sua storia raccolta in oltre 250 veicoli e prototipi esposti.

Per i più tecnici una visita dove nascono i motori bicilindrici a ”V” che sono l’emblema della casa motociclistica per salire poi a visitare le linee di montaggio da dove scendono la maxi crousier California, Eladorado e la sempre più ammaliante Audace la moto che ha avuto più successo dalla critica di settore, poi le sempre più gettonate piccole di casa Guzzi: le V7 nelle tre versioni a cui ovviamente si aggiungono le versioni Kit che ogni singolo acquirente può personalizzare e per renderle uniche. Sono molte le associazioni di Mandello che hanno dato alla casa dell’Aquila il loro appoggio anche per l’accoglienza dei motociclisti che da una stima buttata li potrebbero superare le 10 mila presenze.

Anche la nuova amministrazione comunale si è mobilitata a favore di questo evento e non si escludono iniziative collaterali sempre inerenti al marchio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA